SPESE SERVER 2013-2014 | RACCOLTI 440 EURO* | NECESSARI 570 EURO
* al netto delle commissioni Paypal, 465.87 EURO lordi
77% - 130 EURO all'obiettivo

Ruolino di marcia in campionato

Moderatore: lokomotivA

Ruolino di marcia in campionato

Messaggioda merk17 » 03.09.12 - 22:56

1^ GIORNATA
Siena - Torino 0 - 0

Formazione 4-2-4(voti GdS)
Gillet 6;
Darmian 5, Glik 6, Ogbonna 6, Masiello 5
(48' st D' Ambrosio s.v.);
Brighi 6,5, Gazzi 6;
Stevanovic 5
(9' st Santana 5,5), Bianchi 6, Meggiorini 5, Vives 6,5 (31' st Basha).
A disp.: Gomis, Rodriguez, Di Cesare, Sgrigna, Sansone, Verdi. All.: Ventura.

Marcatori: /
Assist: /
Ammoniti: Masiello
Espulsi: /


COMMENTO ALLA GARA:
A fronte dal 3-5-2 schierato da Cosmi era ovvio che Ventura avrebbe risposto con il 4-3-3 o 4-2-4 mascherato, con una mediana, in effetti, composta da Brighi, Gazzi e Vives, per non trovarsi in evidente inferiorità numerica a centrocampo. Subito i granata hanno incanalato il match sul terreno a loro più congeniale facendo possesso palla, senza provare a spingere in modo particolare, anche se è stato proprio loro il primo tentativo di affondo al 4’ con una verticalizzazione di Darmian per Meggiorini e con la palla che è finita di poco a lato. Il Siena non è caduto nella trappola di scoprirsi eccessivamente per impedire al Torino di mantenere il possesso della fera, nel primo quarto d’ora tre (Siena) a dodici (Torino) è stato appunto il dato sul possesso palla. Man mano che proseguiva la partita i padroni di casa provavano ad essere più offensivi senza però destare particolari preoccupazioni alla retroguardia granata, infatti al 27’ il colpo di testa di Bogdani, per altro debole, è finito fuori. Se il Siena non si è reso particolarmente pericoloso anche il Torino non è riuscito a portarsi in vantaggio seppur provandoci ancora con Meggiorini che al 25’ ha spedito la sfera sopra la traversa e al 33’ non è riuscito ad agganciare un invitante cross di Stevanovic. Indubbiamente il serbo ha provato ad essere propositivo infatti al 41’ ha servito Bianchi che ha mirato indirizzando il tiro verso il secondo palo, ma Pegolo non si è fatto sorprendere e ha spedito la palla sul fondo.
Il primo tempo è terminato a reti inviolate e non ha creato particolari emozioni per le rispettive tifoserie. Le due squadre hanno dato l’impressione, soprattutto il Siena, di essere fin troppo attente nel non commettere passi falsi, forse anche a causa delle penalizzazioni in classifica, di fatto però non creando veri pericoli all’avversario.
Nella ripresa Cosmi ha mandato in campo Valiani per Bogdani e probabilmente negli spogliatoi ha spronato i suoi con il risultato che al 2’ Calaiò ha deviato con la punta del piede la palla, su un cross basso dalla destra, senza però riuscire a indirizzarla in rete e la sfera è finita quindi sul fondo. Pronta è stata la risposta del Torino che al 5’ con Bianchi di testa ha sfiorato il gol su assist di Brighi, purtroppo per i granata la palla è finita di poco a lato. Anche Ventura ha effettuato un cambio al 10’ togliendo Stevanovic e facendo entrare Santana, senza di fatto cambiare l’assetto della squadra. Tre minuti dopo altro cambio per il Siena: dentro Sestu fuori Verre. Le manovre sia del Siena sia del Torino si sono sviluppate soprattutto a centrocampo, ma a entrambe le squadre è mancata l’intuizione giusta per arrivare ad essere incisivi sottoporta, solo a sprazzi hanno provato ad esserlo, come al 20’ quando D’Agostino su punizione ha fatto venire i brividi al Torino colpendo in pieno la traversa. Per la risposta granata si è dovuto attendere il 31’ con Meggiorini che ha mandato di poco a lato un bel pallone servitogli da Santana; pochi istanti prima Ventura aveva effettuato la seconda sostituzione mandando in campo Basha per Vives. Da segnalare una curiosità decisamente spiacevole per il mister granata che il mal di schiena che lo affligge da prima dell’inizio del ritiro estivo a Sappada non lo ha abbandonato neppure questa sera facendolo sedere in panchina con una smorfia di dolore. Il Torino non voleva accontentarsi del pareggio e ha provato ancora ad andare in gol al 32’ con Santana, palla deviata in angolo, al 39’ nuovamente con Meggiorini che su assist di Darmian ha mandato di un soffio a lato del palo il pallone calciato rasoterra e al 41’ quando Santana dalla bandierina ha spedito la sfera in area e Ogbonna ha provato a indirizzarla in rete, ma complice una deviazione senese non rilevata dal giudice di porta è finita fuori. Al 42’ l’ultima sostituzione del Siena è entrato Paci per Felipe e al 48’ quella del Torino con l’ingresso di D’Ambrosio per Masiello. Da segnalare che al 50’ Vergassola ha colpito Bianchi con un fallo da dietro, ma il direttore di gara non è intervenuto. La partita è finita senza ulteriori squilli.
Nella secondo tempo qualche occasione in più è stata creata in campo, ma non è bastato per sbloccare il risultato. Il Torino non ha patito il ritorno in serie A dopo tre stagioni, continuando però a evidenziare che il vero problema non è creare le occasioni da gol, ma realizzarle. Il Siena se vuole al più presto azzerare la penalizzazione in classifica deve sfruttare meglio le partite, soprattutto quelle casalinghe, con le squadre che hanno come obiettivo la salvezza.
(fonte commento da: Tuttomercatoweb)
Ultima modifica di merk17 il 04.11.12 - 15:30, modificato 3 volte in totale.
"Fantacalcista dal lontano 1994"
Avatar utente
merk17
Star
Star
 
Messaggi: 758
Iscritto il: 30.07.12 - 22:53
Località: Ravenna
Nome: Marco

Ruolino di marcia in campionato

Messaggioda merk17 » 03.09.12 - 23:10

2^ GIORNATA
Torino - Pescara 3 - 0

Formazione 4-2-4(voti GdS)
Gillet s.v.;
Darmian 6, Glik 6,5, Ogbonna 6,5, Masiello 6,5;
Brighi 7, Gazzi 7;
Stevanovic 5,5
(27' st Cerci 6), Sgrigna 7,5, Bianchi 7 (19' st Meggiorini 6), Santana 6,5 (33' st Sansone s.v.).
A disp.: Gomis, Rodriguez, D'Ambrosio, Basha, DiCesare, Vives, Verdi.

Marcatori: 34' pt Sgrigna; 14' st Brighi, 18' st Bianchi.
Assist: Bianchi (torre per Sgrigna), Sgrigna (rasoterra per Brighi), Masiello (cross per Bianchi).
Ammoniti: Darmian.
Espulsi: /
Note: Bianchi fallisce un rigore.


COMMENTO ALLA GARA:
Seconda di campionato ed esordio casalingo per gli uomini di Ventura, esordio scoppiettante che fa ben sperare per il proseguimento del campionato. Un Toro perfetto, come ha giustamente sottolineato il tecnico a fine partita, che ha messo in campo oltre ad una personalità ben definita, uno spessore tecnico e tattico che non sempre si è visto nella passata stagione. Vero, forse il Pescara, almeno quello visto all’Olimpico, non è proprio il test più attendibile, ma anche contro il Siena, quindi contro una squadra che veniva da un ottimo campionato nella massima serie, i granata non hanno sfigurato, anzi, l’impressione è che il Toro è apparso alla lunga anche superiore alla squadra toscana. Ha funzionato proprio tutto contro gli uomini di Stroppa, praticamente inesistenti negli ultimi 40 metri, grazie ad una difesa che si dimostra sempre più affidabile, ad un centrocampo perfetto sotto tutti i punti di vista, tattico, atletico e molto disciplinato, con la ciliegina di un attacco che non aveva mai giocato cosi bene.
Ed è proprio dal reparto offensivo che arrivano i segnali più importanti, con Bianchi e Sgrigna che, lasciati da parte egoismi inutili, hanno disputato una super partita, gol, assist e sacrificio per il compagno di reparto. Insomma tutto quello che deve fare una coppia di attacco nella massima seria. Quanto a Sgrigna, tecnicamente lui in serie A ci può stare più che tranquillamente, è stata in un certo senso la partita “della vita”, non tanto per l’esclusione di Siena, che sicuramente non gli ha fatto piacere, e ci mancherebbe altro, quanto per il fatto che finalmente ha potuto giocare, a 32 anni, nella serie che più gli si addice tecnicamente. La partita di Alessandro è stata semplicemente perfetta, cosi come l’intesa con il compagno di reparto. Quanto a Bianchi, la sua voglia di Toro è andata ampiamente oltre le lusinghe di mercato, fortunatamente è rimasto in granata, la partita di ieri, tutta al servizio del Toro, con tanto sacrificio ma con giocate di spessore, ed una ritrovata vitalità fisica, ma forse è meglio dire psicologica, chiude una lunga inutile diatriba sull’utilità del capitano nel gioco di Ventura. Bianchi resta il riferimento offensivo di questa squadra, punto e basta.
Ottima anche la partita dei due esterni, con Santana che si è fatto preferire per mole di gioco espressa nei novanta minuti, ma con Stevanovic che evidentemente ha bisogno di restare in campo per ritrovare i suoi movimenti, che in alcuni frangenti comunque si sono visti. Nel complesso tutti, compreso Gillet che è stato spettatore non pagante, sono andati ampiamente oltre la sufficienza, con punte di eccellenza che non guastano mai. Insomma se questo è il Toro di Ventura nella massima serie è veramente una libidine, tenendo presente che il campionato è solo all’inizio, e che i momenti di difficoltà sono sempre dietro l’angolo, quindi guai a sentirsi bravi, specialmente dopo una partita quasi perfetta com’è stata Torino-Pescara.
(fonte commento da: Tuttomercatoweb)
Ultima modifica di merk17 il 04.11.12 - 15:29, modificato 3 volte in totale.
"Fantacalcista dal lontano 1994"
Avatar utente
merk17
Star
Star
 
Messaggi: 758
Iscritto il: 30.07.12 - 22:53
Località: Ravenna
Nome: Marco

Ruolino di marcia in campionato

Messaggioda merk17 » 19.09.12 - 00:51

3^ GIORNATA
Torino - Inter 0 - 2

Formazione 4-2-4 (voti GdS)
Gillet 6;
Darmian 5, Glik 5,5, Ogbonna 6, Masiello 5,5;
Brighi 6,5, Gazzi 5,5;
Stevanovic 5,5
(12' st Cerci 5,5), Bianchi 6 (30' st Sansone s.v.), Sgrigna 5,5 (12' st Meggiorini 6), Santana 5.
A disp.: Gomis, Rodriguez, D'Ambrosio, Basha, Di Cesare, Vives, Verdi.
All.: Ventura.

Marcatori: nessuno.
Assist: nessuno.
Ammoniti: Bianchi, Masiello, Gazzi, Glik (T);
Espulsi: nessuno.


COMMENTO ALLA GARA:
In un Olimpico finalmente vestito in abito da sera dopo tre stagioni da baretto di periferia, l'entusiasmo del popolo del Toro non ha dato quella spinta in più che lo stesso Ventura si augurava. Merito anche delle contromosse studiate dal giovane Stramaccioni che, in attesa di un difensore in grado di impostare il gioco, s'è affidato alla fisicità di Ranocchia e del giovane (ottimo) Juan Jesus per contrastare la voglia di spaccare il mondo di Rolando Bianchi, con Cambiasso costretto agli straordinari per disegnare le prime trame di gioco. In questo modo i terzini si sono alzati parecchio costingendo Santana e Stevanovic a trasformare il 4-2-4 in un 4-4-2 più che classico. Il pressing al limite dell'area, di stampo Barcellona, ha fatto il resto, imbrigliando il Torino e costringendolo a mettere a fuoco tutti i propri limiti. Il vantaggio di Milito arriva proprio in questo modo. Pressione altissima su Gazzi sulla trequarti, palla persa dal centrocampista e invenzione di Milito dalla distanza che trafigge l'incolpevole Gillet. Detto, fatto e partita congelata fino al 65' con una difesa che, all'occorrenza, diventava a cinque per contrastare i tagli di Sgrigna e Santana.
La reazione col cuore del Toro c'è stata, veemente, sfortunata. Concentrata però in pochi minuti in cui Bianchi, Meggiorini e Santana hanno saputo incendiare la Maratona. Al 61' Bianchi fa le prove girando debolmente un assist di Cerci; al 65', nel giro di pochi secondi, prima Bianchi con un super destro al volo centra il bersaglio in movimento Handanovic, poi Meggiorini da pochi passi non trova i pali. La partita offensiva del Toro finisce lì. A far scorrere i titoli di coda però ci ha pensato Antonio Cassano nel finale, sfruttando l'assist di Alvarez e il velo di Milito.
(Fonte commento: sportmediaset).
Ultima modifica di merk17 il 04.11.12 - 15:29, modificato 1 volta in totale.
"Fantacalcista dal lontano 1994"
Avatar utente
merk17
Star
Star
 
Messaggi: 758
Iscritto il: 30.07.12 - 22:53
Località: Ravenna
Nome: Marco

Ruolino di marcia in campionato

Messaggioda merk17 » 28.09.12 - 23:19

4^ GIORNATA
Sampdoria - Torino 1 - 1

Formazione 4-2-4 (voti GdS)
Gillet 7,5;
Darmian 5,5, Glik 5, Ogbonna 7, Masiello 6;
Vives 6
(37' st Brighi s.v.), Gazzi 6;
Cerci 6, Bianchi 6
(30' st Sgrigna 5,5), Meggiorini 6, Santana 5 (37' st Stevanovic s.v.).
A disp.: Gomis L., Rodriguez, D'Ambrosio, Basha, Di Cesare, Vives, Verdi, Sansone.
All.: Ventura.

Marcatori: 24' st Bianchi (Rig.).
Assist: nessuno.
Ammoniti: Meggiorini, Ogbonna, Darmian, Glik (T);
Espulsi: nessuno.


COMMENTO ALLA GARA:
Un punto guadagnato o due punti persi per Sampdoria e Torino? Per la classifica il punto è guadagnato, per quello che si è visto in campo Ferrara e Ventura possono considerarli due punti persi, perché entrambe le squadre possono recitare il mea culpa: alla Samp, soprattutto nel primo tempo, è mancata la dinamicità quando aveva la palla e Maxi Lopez è stato lasciato troppo solo e poco rifornito perché la squadra era troppo lunga, mentre un aumento della pericolosità si è avuto con l'ingresso in campo di Eder che da solo ha tenuto in apprensione la retroguardia granata e il Torino in alcune occasioni ha vanificato con errori individuali quanto provava a costruire e nella fase offensiva non è stato abbastanza incisivo. La partita è stata determinata dai due episodi dei rigori, giustamente fischiati dall'arbitro Calvarese per falli in area rispettivamente di Soriano su Cerci e di Glik su Eder, e puntualmente finalizzati da Bianchi e Pozzi.
Sul piano tattico e del gioco il Torino è apparso fin dalle prime battute meglio della Sampdoria che si è basata più sulle capacità individuali dei suoi giocatori. I padroni di casa nel passare dalla fase difensiva a quella offensiva non esprimevano chiarezza d'idee e di gioco risultando quindi non ordinati, seppur nel primo tempo e poi anche sul finire della gara non siano loro mancate le occasioni per segnare. Al 37' punizione a giro di Maresca, per una spallata di Meggiorini a Estigarribia, in volo Gillet con la mano devia; al 45' Gastaldello, su assist di Maresca, tira da posizione ravvicinata e il portiere granata non si fa sorprendere; al 94' Eder da fuori area fa partire un gran tiro Ogbonna prova ad intercettarlo e poi Gillet con un intervento provvidenziale devia la palla sul fondo. Nell'azione della traversa di Maresca dopo la deviazione di Gillet la palla è arrivata a Berardi che l'ha subito calciata verso la porta, ma Maxi Lopez, che era in posizione di fuorigioco ininfluente in quanto oltre Gillet, l'ha intercettata spedendola in rete e quindi rientrando nell'azione, infatti, l'arbitro ha fischiato annullando il gol. Un'altra occasione sfumata per la Sampdoria al 41' quando Estigarribia ha rubato palla a Darmian e si è presentato a tu per tu con Gillet che in uscita, grazie anche al recupero del compagno appena gabbato, ha impedito all'ex juventino di colpire bene la sfera producendo quindi un tiro errato e non pericoloso, perché effettuato con la punta e non con il collo del piede.
Il Torino ha manovrato più coralmente e faceva circolare meglio la palla, ma a centrocampo perdeva in fluidità e ha evidenziato carenze nell'impostazione della fase offensiva e quando riusciva ad arrivare al tiro finale troppe volte non ha inquadrato lo specchio della porta. Al 4' tiro al volo di Cerci e palla fuori; all'11' Bianchi prova la conclusione, ma la sfera finisce ben lontana dalla porta; al 22' su punizione di Vives Ogbonna sfiora di testa, però non gli riesce la deviazione in porta; al 24' Cerci ci prova con un tiro da fuori senza sorprendere Romero; al 53' un cross di Darmian viene deviato dalla difesa blucerchiata che per poco non trafigge il proprio portiere sempre molto attento; al 56' ancora un tiro di Cerci che però finisce sul fondo; al 61' azione di prima dei granata con Santana che è impreciso nell'ultimo passaggio e la palla termina sul fondo; al 79' un tiro di Sgrigna è stato intercettato dalla difesa avversaria; al 92' Cerci tenta il tiro, ma la palla viene intercettata da Gastaldello.
Per capire il vero valore di una squadra è troppo presto perché si sono disputate solo quattro partite, ma una cosa è certa ed emergeva già alla chiusura del calciomercato: al Torino manca un uomo che imposti la manovra offensiva dettando i tempi e gli inserimenti negli spazi. Ventura potrà far crescere i giocatori che ha a disposizione, ma a questa carenza difficilmente potrà sopperire e i granata fino a gennaio, alla riapertura del mercato, molto probabilmente raccoglieranno meno di quello che semineranno perché sono un po' fragili dal centrocampo in su e spesso le azioni pericolose saranno più frutto delle giocate dei singoli, un po' come è accaduto oggi quando Cerci è entrato in area e ha costretto al fallo da rigore Soriano. Avere giocatori di qualità ed esperti della categoria paga, Gillet ne è la dimostrazione.
Fonte: Tuttomercatoweb.com
Ultima modifica di merk17 il 04.11.12 - 15:28, modificato 1 volta in totale.
"Fantacalcista dal lontano 1994"
Avatar utente
merk17
Star
Star
 
Messaggi: 758
Iscritto il: 30.07.12 - 22:53
Località: Ravenna
Nome: Marco

Ruolino di marcia in campionato

Messaggioda merk17 » 28.09.12 - 23:44

5^ GIORNATA
Torino - Udinese 0 - 0

Formazione 4-3-3 (voti GdS)
Gillet 6;
Darmian 6,5, DiCesare 6
(29' st Glik 6), Ogbonna 6, D'Ambrosio 6;
Basha 6,5, Gazzi 6, Vives 6;
Stevanovic 6
(25' st Santana 6), Meggiorini 5,5, Sansone 6 (15' st Bianchi 6).
A disp.: Gomis L., Rodriguez, Verdi, Brighi, Sgrigna, Diop.
All.: Ventura.

Marcatori: nessuno.
Assist: nessuno.
Ammoniti: nessuno.
Espulsi: nessuno.


COMMENTO ALLA GARA:
Soltanto due tifosi friulani previsti nel settore ospiti ma l’atmosfera all’Olimpico di Torino è comunque caldissima. Udinese e Torino hanno entrambe 4 punti in classifica e vogliono confermarsi come due realtà solide in questa Serie A piena di sorprese. Dopo aver affondato il Milan di Allegri, Guidolin cerca conferme anche fuori casa: l’Udinese è in crescita e sembra aver superato l’inizio difficile, ma il Torino è un avversario ostico e davanti al pubblico di casa non vuole sfigurare. L’allenatore dei friulani teme Ventura perché è “un tecnico sapiente” e ha a disposizione una rosa “molto buona”. I granata però scendono in campo rimaneggiati per via di infortuni e turnover: in attacco Sansone e Meggiorini vengono preferiti a Bianchi e Sgrigna; a centrocampo gioca Basha al posto di Brighi, D’Ambrosio sostituisce l’infortunato Masiello come terzino sinistro. Riposa Cerci non convocato da Ventura, fuori anche il neo acquisto Bakic.
All’inizio la partita sembra piuttosto imballata, l’Udinese fatica a centrocampo mentre il Toro sembra soprattutto attento a contenere gli avversari in modo ordinato. Gli uomini di Guidolin non sfondano sugli esterni e i lanci lunghi per Ranegie non producono l’effetto sperato. In un primo tempo sonnolento alla mezzora arriva il lampo di Basha, tiro da fuori area e pallone sulla traversa. Poi due buone occasioni anche con Sansone e Meggiorini, il Toro cresce pian piano e prende in mano la partita. Orsato sceglie di arbitrare alla inglese e lascia correre molto, l’Olimpico diventa una bolgia. L’umidità la fa da padrona nonostante l’orario serale, partita un po’ al di sotto delle aspettative. Il primo tempo si chiude coi due portieri più impegnati a perdere tempo che preoccupati dalle palle gol.
Nell’intervallo si scaldano Di Natale e soprattutto Bianchi: Ventura sembra scegliere il numero 9 granata per dare una scossa ai suoi, anche perché dal tunnel degli spogliatoi esce molto più carica l’Udinese. Ad arrivare però, oltre alle offensive dei friulani, arriva l’occasione per Sansone: gran botta di collo, le mani di Brkic e l’incrocio dei pali a deviare in angolo. Infatti è Guidolin a cambiare: Pereyra e Badu prendono il posto di Barreto e Willian, ricomposta la coppia d’attacco dell’Europa League. Alla fine il Toro gioca la carta Rolando Bianchi, Ventura non rischia e toglie Sansone. Torino avanti ai punti ma Udinese pericolosa sulle palle inattive: in generale c’è poco movimento in campo, Guidolin in panchina non si tiene più. Sono i padroni di casa a rendersi più pericolosi, forse l’Udinese inizia a pagare la stanchezza. All’80’ arriva il terzo palo per il Toro: Brkic fortunato sul diagonale di Santana che si stampa sul montante destro. I friulani nel finale pensano solo a difendersi, gli uomini di Guidolin fanno le barricate per portare a casa un punto prezioso. Nel recupero Benatia spaventa il Torino: Gillet salva sulla linea il suo colpo di testa su calcio d’angolo. Nonostante una partita di sostanza Ventura non porta a casa i 3 punti: granata un po’ timidi e un po’ sciuponi, l’Udinese soffre e ringrazia.
Fonte: sportmediaset
Ultima modifica di merk17 il 04.11.12 - 15:28, modificato 1 volta in totale.
"Fantacalcista dal lontano 1994"
Avatar utente
merk17
Star
Star
 
Messaggi: 758
Iscritto il: 30.07.12 - 22:53
Località: Ravenna
Nome: Marco

Ruolino di marcia in campionato

Messaggioda merk17 » 04.10.12 - 00:56

6^ GIORNATA
Atalanta - Torino 1-5

Formazione 4-2-4 (voti GdS)
Gillet 6,5;
Darmian 6, Glik 6,5, Ogbonna 6, D'Ambrosio 6,5;
Brighi 6,5, Gazzi 7;
Cerci 7,5
(33' st Verdi s.v.), Sgrigna 6 (20'st Meggiorini 6,5), Bianchi 7, Santana 6 (13' st Stevanovic 7).
A disp.: Gomis L., Rodriguez, Basha, Vives, DiCesare, Sansone, Diop.
All.: Ventura.

Marcatori: 38' pt Bianchi (rig.), 17'st Gazzi, 21'st Stevanovic, 28'st D'ambrosio, 31'st Bianchi.
Assist: 3 di Cerci (corner per Gazzi e D'ambrosio, cross per Stevanovic), 1 di Stevanovic (passaggio a Bianchi).
Ammoniti: Darmian e Bianchi.
Espulsi: nessuno.


COMMENTO ALLA GARA:
Il cinque a uno del Torino sull'Atalanta è un risultato veritiero in quanto i granata hanno capitalizzato al meglio nella ripresa le occasioni che si sono creati e perché i padroni di casa nel secondo tempo non sono riusciti a mantenere la dovuta concentrazione che solitamente hanno, anche se a parziale loro discolpa va detto che la difesa era priva di molti titolari e l'uscita di Manfredini, per problemi muscolari al quarantacinquesimo, ha reso ancor più vulnerabile la squadra.
All'inizio le due squadre non si risparmiano e puntano sul gioco degli esterni alti. De Luca con i suoi movimenti e lo svariare sul fronte d'attacco crea qualche difficoltà al Torino e Ventura chiede a Bianchi e Sgrigna di pressare alto. I granata perdono qualche pallone di troppo sulla trequarti difensiva e fanno un po' di fatica ad uscire, mentre i nerazzurri vincono più duelli con gli esterni nell'uno contro uno. L'Atalanta sembra poter controllare meglio la partita, anche se a fasi alterne, mantiene il ritmo del gioco abbastanza alto e con l'atteggiamento dei quattro attaccanti, le due punte e i due esterni, spesso impedisce al Torino di far iniziare l'azione da Gillet. Cerci e Santana non sono molto serviti e di conseguenza attaccano poco gli spazi. Gazzi e Brighi in più di un'occasione perdono palla in uscita. Tutto questo porta al 26' alla traversa di Cigarini su tiro di punizione e al 28'al gol del vantaggio degli orobici con Denis che sullo sviluppo di un calcio d'angolo stoppa bene la palla e il suo tiro risulta imprendibile per Gillet. Il Torino sembra accusare il colpo, ma prontamente si riprende anche perché i padroni di casa abbassano un po' il ritmo del gioco e lasciano qualche spazio, infatti, otto minuti dopo arriva il pareggio granata: D'Ambrosio crossa di prima intenzione e la palla viene intercettata in area dalla mano di Bonaventura, che ha le braccia troppo allargate, e l'arbitro fischia il rigore, Bianchi con un tiro rasoterra fredda Consigli che si tuffa dalla parte opposta. Al 46' l'Atalanta ha l'occasione di passare in vantaggio grazie a una punizione di Denis, che però si stampa all'incrocio dei pali.
Nella ripresa tutto subito sembra che si assisterà ad uno spettacolo simile a quello del primo tempo, con occasioni create su entrambi i fronti però non sfruttate a dovere, invece non è così. L'Atalanta ogni minuto che passa è meno padrona del campo, non mantiene il ritmo e si allunga troppo, saltano così gli schemi e entrambe le squadre provano a passare in vantaggio. Al 61' Gazzi prolunga un tiro dalla bandierina e manda la palla in rete. La squadra di Colantuono accusa il colpo e non riesce a reagire con la giusta efficacia, Cerci entra maggiormente nel vivo del gioco e tutti i giocatori di Ventura sfruttano meglio le ripartenze avendo a disposizione maggiori spazi che attaccano con buona facilità. Come al 66' quando Cerci serve un assist perfetto per Stevanovic che si coordina bene e batte Consigli. La partita a questo punto sembra chiusa, ma il Torino non è ancora sazio e al 73' dalla bandierina Cerci fa partire un tiro invitante per D'Ambrosio che lasciato tutto solo in area manda di testa la palla in rete. Due minuti dopo Bianchi sigla il suo settantesimo gol con la maglia granata.
Fonte: tuttomercatoweb
Ultima modifica di merk17 il 04.11.12 - 15:27, modificato 1 volta in totale.
"Fantacalcista dal lontano 1994"
Avatar utente
merk17
Star
Star
 
Messaggi: 758
Iscritto il: 30.07.12 - 22:53
Località: Ravenna
Nome: Marco

Ruolino di marcia in campionato

Messaggioda merk17 » 04.11.12 - 15:17

7^ GIORNATA
Torino - Cagliari 0-1

Formazione 4-2-4 (voti GdS)
Gillet 6,5;
Darmian 6, Glik 5,5, Ogbonna 6, D'Ambrosio 6;
Brighi 5,5 (32' st Sansone s.v.), Gazzi 6;
Cerci 6, Sgrigna 5 (7'st Meggiorini 5), Bianchi 5,5, Stevanovic 5 (17' st Vives 5).
A disp.: Gomis L., Rodriguez, Basha, Agostini, Caceres, DiCesare, Santana, Verdi.
All.: Ventura.

Marcatori: nessuno.
Assist: nessuno.
Ammoniti: Darmian.
Espulsi: nessuno.
Ultima modifica di merk17 il 04.11.12 - 15:27, modificato 2 volte in totale.
"Fantacalcista dal lontano 1994"
Avatar utente
merk17
Star
Star
 
Messaggi: 758
Iscritto il: 30.07.12 - 22:53
Località: Ravenna
Nome: Marco

Ruolino di marcia in campionato

Messaggioda merk17 » 04.11.12 - 15:25

8^ GIORNATA
Palermo - Torino 0-0

Formazione 4-2-4 (voti GdS)
Gillet 7,5;
D'Ambrosio 5,5, DiCesare 6, Rodriguez 5, Masiello 6;
Basha 5,5, Gazzi 6,5;
Cerci 5 (14' st Stevanovic 5,5), Meggiorini 5 (28'st Sgrigna 5,5), Bianchi 5,5, Vives 6.
A disp.: Gomis L., Glik, Agostini, Brighi, Bakic, Birsa, Sansone.
All.: Ventura.

Marcatori: nessuno.
Assist: nessuno.
Ammoniti: DiCesare, Vives, Cerci, Gazzi.
Espulsi: nessuno.
Ultima modifica di merk17 il 04.11.12 - 15:26, modificato 1 volta in totale.
"Fantacalcista dal lontano 1994"
Avatar utente
merk17
Star
Star
 
Messaggi: 758
Iscritto il: 30.07.12 - 22:53
Località: Ravenna
Nome: Marco

Ruolino di marcia in campionato

Messaggioda merk17 » 04.11.12 - 15:36

9^ GIORNATA
Torino - Parma 1-3

Formazione 4-3-3 (voti GdS)
Gillet 6;
Darmian 5, Glik 5, Rodriguez 6, Masiello 5;
Brighi 4,5
(18' pt Basha 6), Gazzi 5,5, Vives 5 (31' st Birsa s.v.);
Sansone 5, Meggiorini 5, Stevanovic 4,5 (23' st Cerci 5,5).
A disp.: Gomis L., D'Ambrosio, DiCesare, Caceres, Agostini, Verdi, Sgrigna, Bianchi.
All.: Ventura.

Marcatori: 47' st Basha.
Assist: nessuno.
Ammoniti: Meggiorini.
Espulsi: Sansone (per doppia ammonizione).
"Fantacalcista dal lontano 1994"
Avatar utente
merk17
Star
Star
 
Messaggi: 758
Iscritto il: 30.07.12 - 22:53
Località: Ravenna
Nome: Marco

Ruolino di marcia in campionato

Messaggioda merk17 » 04.11.12 - 15:43

10^ GIORNATA
Lazio - Torino 1-1

Formazione 4-4-2 (voti GdS)
Gillet 6;
Darmian 6, Glik 6,5, Rodriguez 6,5, D'Ambrosio 6;
Cerci 6,5
(41' st Birsa s.v.), Brighi 6, Gazzi 6, Santana 5 (13 st Stevanovic 6);
Sgrigna 6,5 (17' st Meggiorini 5,5), Bianchi 5.
A disp.: Gomis L., DiCesare, Agostini, Caceres, Basha, Diop, Verdi.
All.: Ventura.

Marcatori: 10' pt Glik.
Assist: ?.
Ammoniti: Rodriguez.
Espulsi: nessuno.
"Fantacalcista dal lontano 1994"
Avatar utente
merk17
Star
Star
 
Messaggi: 758
Iscritto il: 30.07.12 - 22:53
Località: Ravenna
Nome: Marco

Ruolino di marcia in campionato

Messaggioda merk17 » 14.11.12 - 00:53

11^ GIORNATA
Napoli - Torino 1-1

Formazione 4-2-4 (voti GdS)
Gillet 5;
Darmian 5,5, Glik 6,5, Rodriguez 6, D'Ambrosio 6;
Gazzi 6 (1' st Brighi 6), Basha 6,5;
Cerci 5,5, Sgrigna 5 (25' st Sansone 6,5), Bianchi 6, Vives 6 (30' st Santana 6).
A disp.: Gomis L., DiCesare, Ogbonna, Agostini, Stevanovic, Birsa, Meggiorini, Verdi.
All.: Ventura.

Marcatori: 46' st Sansone.
Assist: Nessuno.
[b]Ammoniti:
Basha, Brighi, Sansone, Gillet, Cerci.
Espulsi: nessuno.
Ultima modifica di merk17 il 14.11.12 - 01:01, modificato 2 volte in totale.
"Fantacalcista dal lontano 1994"
Avatar utente
merk17
Star
Star
 
Messaggi: 758
Iscritto il: 30.07.12 - 22:53
Località: Ravenna
Nome: Marco

Ruolino di marcia in campionato

Messaggioda merk17 » 14.11.12 - 00:56

12^ GIORNATA
Torino - Bologna 1-0

Formazione 4-2-4 (voti GdS)
Gillet s.v.;
Darmian 6, Glik 6, Rodriguez 6, D'Ambrosio 7;
Gazzi 6, Basha 6,5 (29' st Brighi 6);
Cerci 7, Sansone 6, Bianchi 5 (19' st Meggiorini 6,5), Vives 5 (1' st Santana 6,5).
A disp.: Gomis L., DiCesare, Ogbonna, Masiello, Agostini, Birsa, Sgrigna, Verdi.
All.: Ventura.

Marcatori: 21' st D'Ambrosio.
Assist: Santana (cross dalla sinistra per colpo di testa di D'Ambrosio).
Ammoniti: Darmian, Gazzi.
Espulsi: nessuno.
"Fantacalcista dal lontano 1994"
Avatar utente
merk17
Star
Star
 
Messaggi: 758
Iscritto il: 30.07.12 - 22:53
Località: Ravenna
Nome: Marco


Torna a Torino

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti